News

Settembre 2021

ControlUp: monitora, analizza e ottimizza la digital experience dei tuoi utenti

Non perdete il webinar di Settembre dedicato a ControlUp, una soluzione innovativa di gestione, monitoraggio, troubleshooting e analisi dedicata ad ambienti soluzioni End User Computing (Citrix, VMware Horizon, Microsoft RDS o Nutanix).

Durante una demo vi mostreremo come ControlUp può migliorare le performance dell’infrastruttura e la user experience degli utenti, indipendentemente da dove lavorino.

Info e registazione: [Webinar] ControlUp: monitora, analizza e ottimizza la digital experience dei tuoi utenti – ControlUp

Disponibile la versione finale di Windows Server 2022

Windows Server 2022, modernizzare le proprie applicazioni per soddisfare i requisiti aziendali in continua evoluzione. Analizziamo le nuove funzionalità tecniche di Windows Server 2022 e come i clienti possono trarne vantaggio per modernizzare il proprio ambiente server.

Perché eseguire l’aggiornamento a Windows Server 2022?

Sicurezza multilivello avanzata

La sicurezza è sempre stata una certezza di Windows Server. Tenendo in primo piano la sicurezza, si introducono numerosi miglioramenti della sicurezza in Windows Server 2022. In questa versione,  si può sfruttare la sicurezza multilivello con server Secured-core e connettività protetta. L’idea che sta alla base di Microsoft Secured-core è quella di non usare il firmware come garanzia che all’avvio del dispositivo non venga eseguito un virus, ma ha collaborato con AMD, Intel e Qualcomm per creare nuove CPU in grado di eseguire test di integrità durante l’avvioin modo controllato e crittografato. Consentendo ai team IT e SecOps di lavorare in sicurezza nel proprio ambiente con la protezione avanzata del server Secured-core e la difesa preventiva su hardware, firmware e livelli di virtualizzazione.La connettività protetta in Windows Server 2022 aggiunge un altro livello di sicurezza: Il protocollo HTTPS (Hypertext Transfer Protocol) crittografato più veloce e più sicuro e la crittografia AES-256 standard del settore con supporto per il protocollo Server Message Block (SMB).

Funzionalità ibride con Azure

Si può sfruttare i servizi cloud con Windows Server 2022 locale connettendosi ad Azure Arc . In Windows Server 2022  si possono sfruttare i miglioramenti del file server come la compressione SMB . La compressione SMB migliora il trasferimento dei file dell’applicazione comprimendo i dati durante il transito su una rete. Infine, Windows Admin Center, uno strumento apprezzato dagli amministratori, offre una nuova esperienza di gestione del server con un nuovo visualizzatore di eventi e il supporto del proxy del gateway per gli scenari connessi ad Azure.

Piattaforma applicativa flessibile

Eseguendo l’aggiornamento a Windows Server 2022 si possono sfruttare i miglioramenti della scalabilità come il supporto per 48 TB di memoria e 2.048 core logici in esecuzione su 64 socket fisici per le applicazioni Tier1. In questa versione è possibile sfruttare i miglioramenti di Windows Server 2022 in particolar modo, migliora la compatibilità delle applicazioni dei conteiner Windows, include i contenitori HostProcess per la configurazione dei nodi, supporta IPv6 e dual-stack e consente l’implementazione coerente dei criteri di rete con Calico. Inoltre, continuando a lavorare con la community di Kubernetes per abilitare il supporto dei contenitori di Windows Server 2022   e portare le nuove funzionalità ad Azure Kubernetes Service (AKS) e AKS su Azure Stack HCI.

Ottieni di più da  Windows Server 

Nell’ultimo anno, con Windows Server 2022, sono stati introdotti anche miglioramenti ai servizi di Azure e miglioramenti dei servizi per Windows Server. Di seguito due scenari comuni e alle funzionalità si cui si può trarre vantaggio.

Su Azure: Azure Automanage (in anteprima) consente ai professionisti IT non solo di automatizzare le best practice del cloud, ma anche di mettere in pratica l’esperienza aziendale con il framework di adozione del cloud Microsoft . Con Azure Automanage per Windows Server,  si può migrare facilmente ad Azure senza alcuna modifica all’IP di rete, trasferire file in modo sicuro ad Azure utilizzando SMB su QUIC e implementare hotpatch per le nuove macchine virtuali di Azure di Windows Server.

Per modernizzare le applicazioni esistenti,  figurano molte opzioni in Azure a seconda delle esigenze dell’architettura dell’applicazione. Ad esempio, Azure Kubernetes Service (AKS) con supporto .NET nativo consente di modernizzare le applicazioni con Kubernetes.

Infine, quando i clienti spostano i propri carichi di lavoro in Azure, possono usufruire di vantaggi come Azure Hybrid  e gli aggiornamenti della sicurezza estesa gratuiti per Windows Server 2008 e 2012.

Ibrido e locale:  Eseguire applicazioni e servizi in locale. Tramite Azure Arc e Azure Stack HCI,  si possono modernizzare rispettivamente i livelli di gestione e virtualizzazione. Allo stesso modo, modernizzando le proprie applicazioni Windows Server in locale si possono usare AKS in Azure Stack HCI .

Il lavoro ibrido è la nuova normalità ma manca la dimensione sociale dell’ufficio.

Una recente indagine di Citrix commissionata all’istituto di ricerche OnePoll su un campione di 500 lavoratori italiani della conoscenza ha messo in luce che, nel prossimo futuro, prevarrà un modello di lavoro ibrido.Nonostante questo, però, sono ancora molte le attività che, secondo gli intervistati, richiedono la presenza in ufficio e, non a caso, per la maggior parte queste sono legate alla dimensione sociale, di cui si è sofferta di più la mancanza nei lunghi mesi della pandemia.

“La pandemia ha accelerato una tendenza sicuramente già in atto e cioè una ridefinizione del concetto di luogo di lavoro, sempre più svincolato da un luogo fisico.” Ha affermato Fabio Luinetti, Country Manager di Citrix Italia “Questo non significa affatto, naturalmente, eliminare la dimensione sociale del lavoro, che dovrà invece continuare a esistere e prosperare perché necessaria per il benessere mentale dei dipendenti e per tenere viva la loro creatività.”Anche la sostenibilità è un tema sempre più urgente e che spesso viene associato allo smart working, con un numero crescente di persone che si sta dimostrando sensibile a questa problematica. In particolare, emerge dal sondaggio, che per il 41% del campione le aziende dovrebbero preoccuparsi di ridurre l’utilizzo di energia elettrica o comunque prediligere energia proveniente da fonti rinnovabili mentre un’uguale percentuale pone l’accento sull’importanza di ridurre i rifiuti e utilizzare materiali riciclabili. A fronte di questo, curiosamente, solo il 15% del campione pensa che la sostenibilità dovrebbe essere una priorità per le aziende nel prossimo futuro: nuovi modelli di lavoro, digital transformation e benessere dei dipendenti sono quelle indicate dagli intervistati.

La soluzione di Citrix
Citrix aiuta le aziende a offrire ai propri dipendenti un’esperienza di lavoro coerente e sicura, indipendentemente da dove ci si trovi, in ufficio, a casa, o altrove. Le soluzioni di digital workspace firmate Citrix danno a ognuno le risorse e lo spazio di cui ha bisogno per lavorare al meglio. Tale  piattaforma unisce l’esperienza utente, la flessibilità e la sicurezza che, insieme, permettono di fare innovazione, di essere resilienti e di garantire la business continuity senza limiti di luogo, di dispositivo, di rete e anche di cloud, a favore di un’esperienza di lavoro migliore.

Windows 11, Un sistema operativo ancora più sicuro.

Windows 11 è stato riprogettato per l’hybrid work ma con criteri di sicurezza estremamente elevati basati sull’adozione del principio “security by design”, adottando nuove tecnologie di sicurezza incorporate che aggiungono un ulteriore livello di protezione sia durante l’utilizzo in locale che durante l’accesso alle piattaforme e ai servizi cloud.

Le funzionalità di sicurezza chiave, attivate di default, oltre a quelle già presenti in Windows 10, sono:

  • l’isolamento dei processi basato sull’hardware;
  • la crittografia;
  • la prevenzione del malware.

In Windows 11, inoltre, sarà più semplice la gestione delle password grazie al miglioramento della modalità di accesso agli endpoint aziendali mediante il servizio “Windows Hello for Business”.

Per lo sviluppo di Windows 11 Microsoft ha lavorato, a stretto contatto con i propri partner per garantire una migliore sicurezza digitale grazie alle specifiche dei cosiddetti “PC secured-core”, una nuova generazione di dispositivi in cui vengono adottate le migliori caratteristiche di sicurezza già al livello del firmware dei sistemi. L’obiettivo dichiarato è quello di rendere questa tipologia di Personal Computer estremamente più resistenti alle cyber minacce rispetto ai dispositivi tradizionali.

A dimostrazione dell’importanza sempre maggiore che riveste la sicurezza informatica, l’utilizzo di Windows 11 è basato sul TPM (Trusted Platform Module), ossia un chip integrato nella scheda madre del PC o aggiunto separatamente nella CPU Il cui scopo è quello di proteggere le chiavi di crittografia, le credenziali utente e altri dati sensibili grazie ad una sorta di barriera hardware in modo che malware e aggressori non possano accedere o manomettere tali dati.

ll rilascio di Windows 11, come detto, avviene in un momento in cui ormai è chiaro che lo smart working, da necessità legata all’emergenza pandemica, è diventato una policy aziendale che si consoliderà anche nel prossimo futuro e si evolverà sempre più verso forme flessibili di lavoro: in ufficio e da remoto.

Windows 11  dispone anche di MAA (Microsoft Azure Attestation), una soluzione unificata per verificare in remoto l’identità, l’affidabilità di una piattaforma e l’integrità dei file binari in esecuzione al suo interno, basata su Azure e che consente di applicare i criteri zero trust a qualsiasi piattaforma.

Infine, Windows 11 sarà facile da gestire per i team IT e fornirà una sicurezza avanzata per affrontare il panorama sempre più complesso della cyber security in un ottica di Security as a Service

AppGuard: Ridurre rischi e costi legati agli attacchi informatici

Le minacce alla sicurezza informatica aziendale sono in costante crescita e diventa sempre più difficile capire quali soluzioni potrebbero proteggere al meglio server ed endpoint. 

Affidarsi a protezioni basate solo sul rilevamento non è più sufficiente e diventa fondamentale prevenire e bloccare eventuali malware in tempo reale. 

I rischi per le aziende sono infatti elevati, in quanto gli attacchi potrebbero avere successo o potrebbero essere rilevati con molto ritardo, in particolare nel caso di vulnerabilità “zero-day”, con importanti impatti sul business aziendale e costi elevati di gestione dell’emergenza. 

Affiancare ad un tradizionale software di protezione basato sul rilevamento una soluzione preventiva che permetta di bloccare all’ingresso potenziali minacce consente alle aziende di aumentare la sicurezza e limitare i costi legati al ripristino dei sistemi e alla mancata produttività. 

AppGuard, grazie alle tecnologie brevettate di Isolation ed Inheritance, impedisce le violazioni bloccando l’esecuzione di azioni malevole da parte delle applicazioni, consentendo loro di continuare a svolgere le normali azioni. 

Di seguito alcuni link con maggiori spunti di riflessione: 

 

Vi informiamo inoltre che per tutto il mese di settembre sarà possibile schedulare uno slot di approfondimento sulla soluzione AppGuard con uno dei nostri specialisti. Non esitate a contattarci!

Luglio 2021

Microsoft presenta Windows 365 e inaugura una nuova categoria di computer

Microsoft Inspire è la conferenza annuale dedicata all’ecosistema di partner Microsoft. L’evento è stato l’occasione per presentare numerose novità e aggiornamenti che fanno leva sul cloud computing per offrire nuove opportunità a supporto dell’evoluzione degli ambienti di lavoro ibridi, fornendo le massime garanzie di sicurezza e affidabilità.

Di seguito, una sintesi dei principali annunci:

Microsoft ha annunciato Windows 365, un servizio cloud che offre alle aziende di tutte le dimensioni un nuovo modo di sperimentare Windows 10 o Windows 11. Windows 365 porta il sistema operativo sul cloud di Microsoft, trasferendo l’intera esperienza di Windows – app, dati e impostazioni – sui dispositivi personali o aziendali. Sicuro “by design” e progettato secondo il principio Zero Trust, Windows 365 protegge e memorizza le informazioni in cloud, e non sul dispositivo, fornendo un’esperienza sicura e produttiva per tutti i lavoratori, dai tirocinanti ai dipendenti, dagli sviluppatori software agli Industrial Designer. Windows 365 dà vita a una nuova categoria di computer ibridi chiamata Cloud PC, che fa leva sia sulla potenza del cloud sia sulle capacità dei dispositivi per fornire un’esperienza Windows completa e personalizzata. L’annuncio rappresenta un’innovazione rivoluzionaria, che risponde alle esigenze delle organizzazioni di tutto il mondo alla ricerca dei modi migliori per facilitare i modelli di lavoro ibridi. Windows 365 sarà disponibile per le imprese di ogni dimensione a partire dal 2 agosto 2021.

È stato presentato Microsoft Cloud for Sustainability, la nuova offerta verticale pensata per aiutare le organizzazioni di ogni settore a ridurre il proprio impatto ambientale e a raggiungere i propri obiettivi di sostenibilità

Creazione di app collaborative con Microsoft Teams e Dynamics 365: in questa nuova categoria di app collaborative, i clienti possono restare sempre aggiornati sulle attività accedendo ai dati di Dynamics 365 direttamente in Teams, senza costi aggiuntivi.

Microsoft 365 Lighthouse, ora in preview pubblica, e Project “Orland” per Microsoft 365, entrato in preview limitata, aiuteranno i partner a offrire servizi gestiti per la sicurezza e a identificare nuove opportunità di crescita. Microsoft 365 Lighthouse aiuta i managed service provider a proteggere dispositivi, dati e utenti presso le PMI che hanno scelto Microsoft 365 Business Premium.

Scopri tutte le novità Microsoft https://news.microsoft.com/inspire-2021-book-of-news/ e contattaci.

Giugno 2021

Wrike per una trasformazione digitale ordinata e rapida

Nel corso del 2020 le aziende hanno aumentato la digitalizzazione delle loro interazioni con i clienti, con i fornitori e con i propri dipendenti. 

Gli ambienti di lavoro sono diventati più complessi, distribuiti con una gamma eterogenea di applicazioni, canali di comunicazione e dispositivi.

Oggi, le aziende stanno affrontando un nuovo grande quesito: restare a distanza, tornare in ufficio o passare a un ambiente ibrido? Secondo la PwC’s US Remote Work Survey, meno di un dirigente su cinque afferma di voler tornare in ufficio, il che prospetta un altro grande cambiamento.

Serve un ambiente di lavoro digitale semplificato e sicuro che consentirà alle aziende di “lavorare ovunque” mantenendo la produttività dei dipendenti, indipendentemente da dove si trovino. Per raggiungere questo obiettivo, le organizzazioni devono andare oltre l’infrastruttura di base che hanno messo in atto lo scorso anno solo per sopravvivere e implementare soluzioni più complete che diano loro un vantaggio competitivo e le aiutino a prosperare.

Wrike e Citrix hanno unito due soluzioni potenti e complementari che creeranno il luogo di lavoro del futuro, in cui aumenti produttività, creatività e collaborazione indipendentemente dalla posizione dei dipendenti.

Wrike è l’unica piattaforma di gestione del lavoro intelligente, versatile e collaborativa, che può essere completamente personalizzata per qualsiasi reparto, team o flusso di lavoro.

E’ uno strumento altamente scalabile che registra più di 10 milioni di tasks e 1,5 milioni di progetti al mese e offre l’affidabilità e la potenza per supportare una trasformazione digitale a livello enterprise.

Per scoprire come l’IT può sfruttare Wrike e Citrix Workspace per soddisfare più rapidamente le esigenze aziendali, visita https://www.citrix.com/blogs/2021/03/01/citrix-workspace-and-wrike-empower-it-for-a-better-employee-experience/ e contattaci. Saremo lieti di darti maggiori informazioni.

Maggio 2021

Carbonite Backup per Microsoft 365: Backup completo da cloud a cloud per Microsoft 365

Microsoft Office 365 è una piattaforma di servizi efficiente e affidabile con numerose funzionalità, che si occupa di gestire la propria infrastruttura e mettere a disposizione le applicazioni allo scopo di garantire agli utenti una produttività senza interruzioni. Il backup totale dei dati deve essere fatto in modo da consentirne il ripristino in caso di bisogno.

Carbonite Backup per Microsoft 365 completa i servizi degli strumenti nativi. Offre tutta una serie di strumenti necessari per proteggere i dati aziendali dagli errori più comuni che ne possono causare la perdita, inclusi ransomware, cancellazioni accidentali, guasti hardware ed eventi naturali.

Dal backup on-site, in cloud o ibrido, all’alta disponibilità, al backup di Office 365 e alla conservazione dei documenti, Carbonite protegge qualsiasi tipo di dati in modo sicuro e affidabile. Tutto ciò in un ambiente fisico, virtuale o legacy.

Carbonite:

  • Protegge l’intera suite di Office 365, inclusi SharePoint, OneDrive, Email e Teams.
  • Esegue il roll-back a livello di sito o ripristina singoli elementi tra cui caselle di posta, conversazioni e file.
  • Esegue backup automatici fino a quattro volte al giorno.
  • Esegue la gestione centralizzata per semplificare le varie attività.
  • Protegge dalle minacce di perdita di dati, inclusi errori umani, guasti hardware e ransomware.
Aprile 2021

VMware Advanced Monitoring per Horizon con tecnologia ControlUp

Garantire un’esperienza utente senza problemi è l’aspetto più importante di un servizio di desktop virtuale di successo. È anche abbastanza spesso la parte più lunga, costosa e difficile del lavoro dell’amministratore, date le complessità coinvolte nella maggior parte delle implementazioni di desktop e applicazioni virtuali.

In qualsiasi momento, un utente può riscontrare una serie di problemi relativi alla connettività, alle applicazioni con prestazioni scadenti, all’accesso lento o alla latenza della sessione, che influiscono negativamente sulla sua esperienza complessiva. È un problema a più livelli, che può derivare da una combinazione di risorse insufficienti o poco performanti, scarsa connettività, immagini inadeguatamente ottimizzate o protocolli configurati in modo errato, che rende difficile diagnosticare questi problemi in modo efficiente e tempestivo.

Quando si parla  con gli amministratori di ambiente Horizon, è normale sentirli dire:

  • Ho bisogno di visibilità end-to-end in tutte le mie implementazioni all’interno in un unico pannello di controllo, in tempo reale.
  • Rispondo ai ticket di servizio invece di prevenirli. Ho bisogno di un approccio più proattivo per risolvere i problemi e ridurre il numero di ticket.
  • L’identificazione del problema è solo metà del problema. La parte più difficile è sapere da dove iniziare. Ho bisogno di una soluzione che non solo identifichi il problema, ma aiuti anche a valutare i parametri e sintetizzare i dati per individuare la causa principale.
  • Ho bisogno di una soluzione che si adatti alla crescita del mio ambiente, riduca l’MTTR e aiuti a soddisfare gli SLA chiave.

In breve, le aziende faticano a implementare una strategia di monitoraggio e risoluzione dei problemi che sia scalabile e dinamica e che consenta loro di isolare e prevenire i problemi in modo proattivo, e non solo reattivo.

VMware ha annunciato una nuova partnership con ControlUp che propone uno strumento avanzato di monitoraggio e risoluzione dei problemi per gli ambienti virtuali.

Advanced Monitoring offre un’unica console unificata con cui monitorare desktop, applicazioni e l’infrastruttura Horizon on-premise e cloud, con automazione e flussi di lavoro correttivi pronti all’uso che riducono il tempo e lo sforzo necessari per l’identificazione e la risoluzione dei problemi.

Con Advanced Monitoring, è possibile il monitoraggio in tempo reale, tenere traccia in modo proattivo dei problemi relativi all’esperienza utente e sfruttare la risoluzione guidata dei problemi e le azioni integrate per una rapida risoluzione dei problemi all’interno del loro ambiente.

Per maggiori informazioni, visita https://www.controlup.com/solutions/vmware/ e contattaci

Gennaio 2021

ControlUp è una soluzione avanzata per il monitoraggio, gestione, troubleshooting e analisi di infrastrutture IT fisiche e virtuali.

Con una console di semplice utilizzo, le organizzazioni hanno accesso a servizi di monitoraggio, risoluzione dei problemi, e analisi in tempo reale.

Le informazioni dettagliate sulla dashboard consentono all’IT di risolvere rapidamente e facilmente problemi con hypervisor, server virtuali e fisici, sessioni utente, processi applicativi e altro ancora, con un importante risparmio di tempo e risorse.

Scoprite con noi le potenzialità di questa soluzione e lasciatevi stupire!

Scrivi a marketing@microsysinformatica.it per fissare una sessione introduttiva con un nostro specialista!