Cloud: come scegliere?

50%

È l’aumento del budget delle grandi aziende destinato al cloud nel 2013.

40%

è la percentuale riferita alle piccole e medie imprese.

Sono numeri importanti che testimoniano il sempre maggior interesse verso questo tema.
Secondo Gartner, il cloud computing continuerà a crescere e, da qui a due anni, rappresenterà la voce principale degli investimenti IT.
Questa crescita è naturalmente accompagnata da uno sviluppo di soluzioni offerte dai vari cloud provider.

Come scegliere quella più adatta alla propria azienda?

Premesso che ogni azienda e realtà a sé, soprattutto nel caso abbia un’infrastruttura IT customizzata con applicativi ad hoc, ci sono alcuni parametri di cui è bene tener conto quando si prende in considerazione il panorama cloud.

Prestazioni
Questi sono i parametri da considerare:
Disponibilità della banda larga sulle reti fisse e mobili;
Velocità di download (importante soprattutto per le applicazioni che chiedono un forte consumo di banda (CRM, ERP);
Velocità di upload per distribuire contenuti in cloud;
Disponibilità connessione veloce dal singolo terminale al data center del cloud.

Disponibilità
Quali sono i livelli di time out che l’azienda è disponibile a tollerare? Un eventuale malfunzionamento entro quanto tempo verrebbe ripristinato? Quali danni comporta per l’azienda?

Sicurezza
I dati aziendali sono la ricchezza dell’azienda. Fondamentale scegliere un cloud provider con elevati standard. Se il provider è all’esterno dell’Unione Europea, è importante che abbia aderito all’International Safe Harbor Privacy Principles, gli accordi che garantiscono un livello di privacy adeguato a quello previsto dagli stati europei.
Da non sottovalutare anche le tecnologie di autenticazione utente, cifratura dati, e ridondanza dei sistemi.

Portabilità dati
Nel caso si voglia cambiare cloud provider occorre prestare attenzione affinché il processo avvenga in modo efficiente, nel rispetto delle policy sulla sicurezza e mantenendo livelli di continuità gestionale

Flessibilità
Rientrano in questo contesto, gli accorgimenti adottati dai cloud provider affinché l’infrastruttura sia facilmente gestibile dal cliente. Un esempio è dato dalla porta di accesso all’infrastruttura, la console di amministrazione: è usabile e completa? Quali sono le tipologie di istanze preconfigurate? Come può essere effettuato il monitoraggio?
Autoscaling e load balancing come vengono gestiti?

Prezzi
È probabilmente il parametro più difficile da calcolare.
Alcuni provider permettono un elevato grado di personalizzazione dell’infrastruttura, con accesso alla stessa da parte del cliente.
Altri forniscono configurazioni predefinite senza margine di personalizzazione.
In mezzo ci sono fornitori che consentono personalizzazioni e accessi limitati.
Naturalmente sui prezzi influiscono anche i parametri precedenti.

Scegliere il giusto cloud provider non è sempre semplice. Occorrono, infatti, competenze tecniche, capacità negoziali, conoscenza del mercato.
Noi di Microsys informatica siamo pronti a supportarvi nel caso vogliate intraprendere questa strada. Il nostro obiettivo è l’obiettivo del cliente. Abbiamo una visione oggettiva delle soluzioni proposte dal mercato, accumulata a competenze ed esperienze nel campo.
Proprio perché ogni infrastruttura IT fa storia a sé, gli approcci al cloud non possono che essere molteplici.
Possiamo fornirvi tutte le informazioni di cui avete bisogno e mettere a vostra disposizione il nostro background affinché possiate trarne il massimo beneficio.

Contattaci per ogni informazione e curiosità!

Please follow and like us: